Domenica 19 Luglio 2009 LETTERE Pagina 2 —Converse Neri Bianche it Matteovitali Lacci rthQdCs
Sono un costante frequentatore del parcheggio sito in Piazza Arsenale in quanto mi consente di arrivare al posto di lavoro in breve tempo. Devo però segnalare che, da quando ho cominciato ad entrarvi, minimo 30 anni fa, nulla è stato fatto per renderlo più comodo Sono un costante frequentatore del parcheggio sito in Piazza Arsenale in quanto mi consente di arrivare al posto di lavoro in breve tempo. Devo però segnalare che, da quando ho cominciato ad entrarvi, minimo 30 anni fa, nulla è stato fatto per renderlo più comodo, più sicuro agli eventi atmosferici, più a destinazione di parcheggio. Le rimesse coperte sono ancora quelle preesistenti ricavate da antichi fabbricati, alcune delimitazioni sono state eseguite con semplici catene che spesso non si vedono, sono sciolte o spostate, indicazioni scarse se non quelle di non occupare i posti migliori se non si è abbonati. Sono aumentate le tariffe ma tutto è rimasto tale e quale. Ma il motivo della protesta non è tanto questo, quanto il grado di manutenzione della strada interna che è davvero disastroso specialmente quando piove.Le buche, grandi e piccole, superficiali o profonde ormai non si contano più; cerco di scansarle fin che è possibile ma alla fine mi trovo a dover affrontare percorsi obbligati e lì… salvati cielo! Ho saputo che persino un camion venuto appositamente a spargere un po’ di ghiaino la dove necessitava, ha rotto le sospensioni ed è dovuto ricorrere a mezzi di traino.Ma cosa ci vuole ad asfaltare la strada, a porre delle tettoie, a pulire un po’ di più il resto del parcheggio con qualche scritta che contribuisca a rendere il servizio “ più normale e decoroso”? Sì certo, occorrono soldi ma anche la volontà di accontentare i clienti che, credo, pagherebbero più volentieri i ritocchi dei prezzi per la sosta.

Giuliano Taborelli VERONA